Accedi Registrati

Entra nel sito

Nome Utente
Password *
Ricordami

Registrati

I campi contrassegnati con un asterisco (*) sono richiesti.
Nome
Nome Utente
Password *
Verifica password *
Email *
Verifica email *
News
Lunedì, 30 Giugno 2014 16:42

Tricologia e Tricologi (Veri e Falsi)

Tricologia e Tricologici (Veri e Falsi) 

All' inizio era il pelo (non il capello) robusto, fitto e presente sulla maggior parte della nostra pelle. Ci serviva per proteggerci dal freddo in inverno e dal caldo in estate e fungeva anche da abito e da protezione meccanica. Con l'evoluzione della specie il nostro organismo ha subito delle variazioni che hanno portato i nostri peli a diradarsi sempre di piu' fino a ricoprire sostanzialmene solo la sommita' delle nostre teste, perche' non abitiamo piu' in caverne fredde e umide e proteggiamo i nostri corpi con vari tessuti. Fin dall'antichita', arrivando ai giorni nostri, noi umani abbiamo dato, e continuiamo a dare, una enorme importanza a quell' insieme di peli che ricopre la nostra testa e che chiamiamo CAPELLI! La lunghezza, il tipo di taglio, il colore, il modo di acconciarli, per le donne ma anche per gli uomini e non solo ultimamente, hanno creato un mercato florido e lussureggiante che va a toccare molti settori della nostra societa' moderna, da quello estetico a quello piu' prettamente sanitario, con risvolti psicologici, fisici ed economici di innegabile valore. Tralasciando il lato estetico e volendosi inoltrare in quello medico ci troviamo di fronte ad argomenti sterminati come quelli che riguardano l' alopecia areata e le alopecie cicatriziali che si traducono in gravissimi disagi fisici e psicologici e che spesso portano i pazienti a spendere cifre importanti per tentare di risolvere i loro problemi. Ma sicuramente il campo piu' intricato e difficile da affrontare per il paziente e' quello che riguarda “ LA CALVIZIE” ovvero l' alopecia androgenetica maschile e femminile, che toglie il sonno e la tranquillita' a molte donne e parecchi uomini con conseguenze serie sulla loro vita sociale, lavorativa e di relazione. E' in questo settore che il dermatologo- tricologo deve mettere a disposizione le sue conoscenze per aiutare questi pazienti seriamente senza illuderli con promesse vane e false speranze. Le terapie a base di finasteride ( propecia ) e di minoxidil sono le sole con una base scientifica e ben conosciuta. Certo negli ultimi anni altre sostanze si sono dimostrate valide almeno nell'affiancare queste terapie, come alcuni ormoni femminili per uso topico e l'entrata in scena del latanoprost sempre per uso topico. La PRP, cioe' l'utilizzo delle piastrine come biostimolazione dei bulbi ha un suo razionale che va studiato e controllato nel tempo senza eccedere in senso troppo ottimista o pessimista. Per ultimo alcune situazioni possono essere migliorate nettamente con un buon intervento di autotrapianto ben valutato ed effettuato da mani esperte. Aggiungerei solo che, come scrivo nel titolo, tutte queste cose devono essere valutate, seguite ed effettuate prima di tutto da un MEDICO, con SPECIALITA' IN DERMATOLOGIA (tranne per il trapianto dove e' preferibile un chirurgo) e non da altre figure (biologi, farmacisti....) che hanno una conoscienza piu' limitata della cute e dei suoi annessi, compresi i capelli che sono una parte integrante della nostra pelle.

 

 

Pubblicato in News