Accedi Registrati

Entra nel sito

Nome Utente
Password *
Ricordami

Registrati

I campi contrassegnati con un asterisco (*) sono richiesti.
Nome
Nome Utente
Password *
Verifica password *
Email *
Verifica email *

Per informazioni 02 6693994 - 02 6693694

Facebook Google Plus
News

Per risolvere il problema della caduta di capelli, esistono delle soluzioni incisive che rientrano nelle cure mediche, con farmaci e tecniche che danno ottimi risultati. Ogni tipo di terapia ha un suo preciso scopo, e spesso viene affiancata o preceduta da altri trattamenti che preparano il cuoio capelluto a ricevere meglio i benefici della cura medica. (Vedi ns. Sezione, Dermatologia Tricologica – Terapie Meccaniche).

 

LA TERAPIA INFILTRATIVA

Scientificamente viene definita "intradermoterapia topica" e ai più è nota con il nome di mesoterapia. È una tecnica utile per la cura di disturbi diversi come le patologie articolari, circolatorie, dermatologiche o dermoestetiche.Con l'iniezione di piccole quantità di sostanze medicinali, attraverso un numero variabile di aghi a seconda dell'area trattata, si agisce sulla parte “malata” direttamente nella zona interessata. La dose ridotta di sostanze iniettate, anche se in somministrazione multipla, evita qualsiasi intossicazione dell'organismo e sfrutta la sua reazione "riflessologica", con un notevole incremento del microcircolo dell'area trattata.

L'azione del trattamento è rapida, efficace e con un utilizzo limitato di farmaci, a favore della salute generale. Il tipo di farmaco utilizzato dipende dal problema che il paziente manifesta: dal cortisone a fattori di crescita ad antidistrofici, o a complessi vitaminici. Dipende dallo scopo che la metodica si prefigge.

 

LA TERAPIA TOPICA

I farmaci che si prestano ad un ottimo assorbimento, ossia al passaggio "transdermico" sono molti, se veicolati in maniera opportuna da composti come gli alcoli. In tricologia è un vantaggio poter utilizzare questa tecnica perché anch'essa permette di impiegare dosi più contenute di principi attivi e di creare minori effetti collaterali per l'organismo. Uomini e donne hanno indicazioni diverse di utilizzo e, ovviamente, a seconda del problema che presentano i loro capelli o il cuoio capelluto.

Esistono i "prolungatori della durata del ciclo vitale del capello - anagen" come ad esempio il minoxidil, l'aminexil, la melatonina e i cortisonici; i "riducenti o bloccanti l'effetto degli ormoni androgeni sui follicoli" come il ciproterone acetato, la flutamide, lo spironolattone, la finasteride, il progesterone, gli estrogeni, i fitosteroli; infine, gli inibitori della 5 alfa reduttasi di tipo non steroideo. Quest'ultimo gruppo deriva da sostanze naturali o di sintesi, come lo zinco e gli estratti di the verde, o come altri composti quali la serenoa repens, il linum usitatissimum, il palmetto, l'urtica dioica e il pigeum africanum.

 

LA TERAPIA ORALE

Le sostanze utilizzate nelle terapie topiche possono essere previste anche nelle cure mediche per via orale. Alcuni dei principi attivi, come i fitosteroli estratti da semi, corteccia, polline e frutti di numerosi vegetali come pure gli estrogeni di sintesi, la finasteride, lo spironolattone, il ciproterone acetato, la flutamide possono essere utilizzati per via sistemica. In questo caso, però, il dosaggio deve essere specifico visti gli effetti collaterali comprovati: queste terapie difatti vengono prescritte da medici che abbiano esperienza al riguardo.

Esistono diverse soluzioni e tecniche efficaci per la cura dei capelli, contro la loro caduta, la calvizie e i diversi problemi dermatologici collegati. È sempre consigliabile, però, affidarsi a mani esperte, scegliendo e valutando la cura più indicata dopo unCheck-Up completo di una visita specialistica dermotricologica.

Se vuoi saperne di più chiamaci 02 6693994 / 02 6693694  e visita la ns. sezione “Dermatologia Tricologica"

 

Gli infoltimenti non chirurgici comprendono tutte le metodiche che permettono di infoltire un cuoio capelluto calvo o diradato in modo non invasivo. Ne fanno parte protesi tricologiche (dette anche sistemi di capelli a contatto o sistemi di capelli integrati) e parrucche.

 

Ciascuna di queste metodiche è indicata:

 - a coloro che, per ragioni di salute, non possono ricorrere alla chirurgia tricologica

- a chi desidera un infoltimento rapido e sostanzioso

- a persone con calvizie molto avanzata, di ampie dimensioni e con regioni parieto-occipitali molto rade

- in particolari forme di alopecia areata, totale o universale

- a persone che presentano alopecie o esigenze estetiche temporanee (ad es. pazienti in chemioterapia)


Sono create da una combinazione di tessuti, sui quali vengono innestati i capelli, utilizzati per ricreare l'aspetto di una chioma e un cuoio capelluto naturali. Vengono create su misura a mano dove tecnici specializzati eseguono le misurazioni della calvizie del paziente, ne analizzano la forma e costruiscono il calco. Prelevano un campione di capelli, ne studiano l'immagine in proiezione e iniziano la creazione dell'impianto tricologico. 


Se vuoi saperne di più chiamaci 02 6693994 / 02 6693694  e visita la ns. sezione “Protesi Tricologiche

Il  ns. Laboratorio Tricologico nasce nel 1971 con creazione, produzione e applicazione protesi di capelli per alopecia totale e integrazioni tricologiche parziali. Laboratorio artigianale guidato da personale altamente competente e qualificato crea impianti tricologici su misura, interamente a mano, con capelli naturali su basi e con materiali ipoallergenici.

Peelings Chimici

Mercoledì, 22 Ottobre 2014 14:56

Cos’è il peeling chimico?

Consiste nell’esfoliare la pelle utilizzando sostane come ad esempio l’acido glicolico, l’acido salicilico, l’acido piruvico, l’acido fitico e l’acido tricloroacetico (peeling tca), sostanze appunto che aiutano ad accelerare il ricambio cellulare della pelle, rimuovendo ed esfoliando le cellule morte ed aiutando ad eliminare le imperfezioni e rendere la pelle pulita, liscia, luminosa e più giovane.

Il peeling chimico funziona?

Il peeling chimico funziona grazie al distaccamento degli strati cutanei esterni poiché procede allentando la sostanza che fa da collante per le cellule sul viso e, anche se dopo un trattamento della pelle con il peeling chimico, la pelle può sembrare in un primo momento rossa dopo qualche minuto che il peeling ha termine, il viso appare più liscio, fresco e tonico e la salute della pelle risulta decisamente e visivamente migliorata.

Peeling chimico per l’acne con acido piruvico

Fare un peeling chimico con l’acido piruvico vuol dire quasi certamente che è necessario un trattamento mirato per eliminare l’acne, difatti l’acido piruvico è una sostanza usata ormai da molti anni nei casi di acne e di invecchiamento cutaneo naturale, compreso quello derivato dal sole. Viene spesso usato in medicina estetica anche per eliminare le rughe, le cicatrici lasciate dall’acne e le macchie cutanee da iperpigmentazione.
Peeling chimico con acido salicilico o con acidi alfa e beta idrossiacidi
Il peeling chimico può essere fatto con svariate tipologie di sostanze chimiche e quando si deve effettuare la scelta del prodotto per fare il peeling serve tenere a mente che quelli a base di acido salicilico sono in grado di penetrare con più facilità rispetto ad altri tipi e quindi sono raccomandati per lo più a chi ha una pelle oleosa.

Per saperne di più chiamaci ai seguenti numeri: 02/6693994 - 02/6693694

Needling

Mercoledì, 09 Luglio 2014 09:55

Il needling è una tecnica di nuova generazione proveniente dagli USA che si sta affermando sempre di piu anche in Italia. È una biorivitalizzazione potenziata dall'utilizzo di un device particolare che aiuta la penetrazione del biorivitalizzante e rende quindi il trattamento molto piu performante. Serve in tutti i casi sia necessario dare turgore, elasticità e compattezza alla pelle e si può effettuare su qualunque zona del corpo dove siano presenti secchezza e lassita' della cute associate a rughe più o meno pronunciate. Il trattamento consiste nel passare una sorta di rullo su cui sono montati numerosissimi microaghi ( ne esistono di diverse misure ) sulla zona interessata e successivamente applicare la fiala di biorivitalizzante: la penetrazione del liquido viene favorita dai microfori provocati dagli aghi e raggiunge pertanto gli strati piu profondi dell'epidermide. Il trattamento è assolutamente indolore e si esegue ogni 2 settimane, sono necessarie dalle 2 alle 4 sedute per raggiungere il risultato desiderato.  

Tricologia e Tricologi (Veri e Falsi)

Lunedì, 30 Giugno 2014 16:42

Tricologia e Tricologici (Veri e Falsi) 

All' inizio era il pelo (non il capello) robusto, fitto e presente sulla maggior parte della nostra pelle. Ci serviva per proteggerci dal freddo in inverno e dal caldo in estate e fungeva anche da abito e da protezione meccanica. Con l'evoluzione della specie il nostro organismo ha subito delle variazioni che hanno portato i nostri peli a diradarsi sempre di piu' fino a ricoprire sostanzialmene solo la sommita' delle nostre teste, perche' non abitiamo piu' in caverne fredde e umide e proteggiamo i nostri corpi con vari tessuti. Fin dall'antichita', arrivando ai giorni nostri, noi umani abbiamo dato, e continuiamo a dare, una enorme importanza a quell' insieme di peli che ricopre la nostra testa e che chiamiamo CAPELLI! La lunghezza, il tipo di taglio, il colore, il modo di acconciarli, per le donne ma anche per gli uomini e non solo ultimamente, hanno creato un mercato florido e lussureggiante che va a toccare molti settori della nostra societa' moderna, da quello estetico a quello piu' prettamente sanitario, con risvolti psicologici, fisici ed economici di innegabile valore. Tralasciando il lato estetico e volendosi inoltrare in quello medico ci troviamo di fronte ad argomenti sterminati come quelli che riguardano l' alopecia areata e le alopecie cicatriziali che si traducono in gravissimi disagi fisici e psicologici e che spesso portano i pazienti a spendere cifre importanti per tentare di risolvere i loro problemi. Ma sicuramente il campo piu' intricato e difficile da affrontare per il paziente e' quello che riguarda “ LA CALVIZIE” ovvero l' alopecia androgenetica maschile e femminile, che toglie il sonno e la tranquillita' a molte donne e parecchi uomini con conseguenze serie sulla loro vita sociale, lavorativa e di relazione. E' in questo settore che il dermatologo- tricologo deve mettere a disposizione le sue conoscenze per aiutare questi pazienti seriamente senza illuderli con promesse vane e false speranze. Le terapie a base di finasteride ( propecia ) e di minoxidil sono le sole con una base scientifica e ben conosciuta. Certo negli ultimi anni altre sostanze si sono dimostrate valide almeno nell'affiancare queste terapie, come alcuni ormoni femminili per uso topico e l'entrata in scena del latanoprost sempre per uso topico. La PRP, cioe' l'utilizzo delle piastrine come biostimolazione dei bulbi ha un suo razionale che va studiato e controllato nel tempo senza eccedere in senso troppo ottimista o pessimista. Per ultimo alcune situazioni possono essere migliorate nettamente con un buon intervento di autotrapianto ben valutato ed effettuato da mani esperte. Aggiungerei solo che, come scrivo nel titolo, tutte queste cose devono essere valutate, seguite ed effettuate prima di tutto da un MEDICO, con SPECIALITA' IN DERMATOLOGIA (tranne per il trapianto dove e' preferibile un chirurgo) e non da altre figure (biologi, farmacisti....) che hanno una conoscienza piu' limitata della cute e dei suoi annessi, compresi i capelli che sono una parte integrante della nostra pelle.

 

 

I Filler

Venerdì, 18 Aprile 2014 10:20

Acne - Come curarla

Venerdì, 07 Marzo 2014 18:21