Accedi Registrati

Entra nel sito

Nome Utente
Password *
Ricordami

Registrati

I campi contrassegnati con un asterisco (*) sono richiesti.
Nome
Nome Utente
Password *
Verifica password *
Email *
Verifica email *

Per informazioni 02 6693994 - 02 6693694

Facebook Google Plus

Visite Dermotricologiche e Diagnosi

Visite Dermotricologiche e Diagnosi

Il dermatologo Tricologo effettua, con l'ausilio di apparecchiature d'avanguardia, anamnesi, diagnosi e imposta, programmi terapeutici sia a lunga che a breve durata, fornendo l'assistenza necessaria a risolvere i problemi di alopecia.

L'analisi follicolare del capello computerizzata, permette di valutarne lo stato fisiopatologico; segue la visita del dermatologo-tricologo che fornisce al paziente informazioni utili a ridurre la caduta progressiva dei capelli mediante terapia locale e sistemica. Cure topiche e sistemiche vengono utilizzate nell'Alopecia Androgenetica, Alopecia Areata, Alopecia Areata Totale, Alopecia Areata Universale, Alopecia cicatriziale, Telogen effluvium.

I test più frequentemente usati per una corretta diagnosi

Visite Dermotricologiche e Diagnosi

Tricogramma: si preleva un campione di capelli, 50 circa, da 9 diverse zone del cuoio capelluto per esaminarli al microscopio ottico. Si analizza la struttura del bulbo per ricavare quanti capelli si trovano in fase anagena, telagena e catagena, in modo da verificare che i valori rientrino o meno nella percentuale di normalità (85-10-5%).

Fototricogramma: si tagliano i capelli di una piccola zona del cuoio capelluto (2 mm). A distanza di alcuni giorni si fotografa la zona interessata per valutare la qualità della ricrescita, da un punto di vista qualitativo e quantitativo. Si procede eseguendo l'operazione a distanza di due-tre giorni per un periodo di alcune settimane e mesi. La metodica è innovativa e consente di studiare in modo dinamico il ciclo del capello.

Biopsia: si preleva una piccolissima porzione di cuoio capelluto attraverso uno specifico apparecchio (microtomo), che penetra nel tessuto asportandone un cilindretto di 4-6 mm di diametro. Il prelievo deve essere effettuato in un'area in cui la caduta dei capelli sia particolarmente attiva, allo scopo di poter studiare il ciclo pilifero in tutta la sua complessità. Grazie a questa tecnica è possibile osservare più sezioni trasversali sia longitudinali delle strutture tessutali e follicolari.

Diagnosi home made: nei casi meno preoccupanti ognuno può svolgere una piccola indagine sui propri capelli.
E' possibile per esempio:

  • legare i capelli e verificare se la massa della coda sembra essere diminuita
  • osservare se nel punto più fragile dell'attaccatura, generalmente le tempie, c'è qualche segnale di ricrescita, come della lieve peluria

Richiedi una Consulenza